Ed ecco i noccioli, dei noccioli👏👏👏

“Forse capita solo in America, ma sembra che se sei appassionato di qualcosa, questo spaventa la gente.

Sei considerato bizzarro o eccentrico. Per quanto mi riguarda, ciò significa soltanto che sai chi sei.

Come posso da Timma dare torto a Tim? È impossibile ma non tanto perché a dirlo sia proprio lui, quanto per la verità che queste parole rivelano.

Aggiungiamo anche questa:

“Non ho mai avuto incubi per colpa dei film. Ero molto più spaventato dalla mia stessa famiglia e dalla vita vera, sapete?”

Posso non dargli ragione?🤔Anche in questo caso appoggio sentitamente le sue parole, e non tanto perché a dirle sia lui, quanto per la somiglianza di esperienze vissute e passate che mi hanno formata (deformata?)

Aggiungerei anche:

“La follia di alcuni è la realtà per altri.”

Ecco questa è una sacro santa verità. Allargando il concetto di un bel po’, si potrebbe spalmare comodamente ovunque. Dare per scontato tutto, e no!!! Ad esempio, per quanto mi riguarda, amare l’estate è pura follia! Come lo sono i colori sgargianti, i romanzi melensi e i film romantici, e tutte quelle cose di una noia mortale che vedo affini ai più (evito la lista perché credo arriveremmo dritti dritti agli auguri di fine anno)

Dunque il nocciolo dei noccioli sta proprio nel non considerare la diversità manco per sbaglio, anzi sarebbe quasi da abolire come parola.

Ognuno ha le sue cose, i suoi bagagli di vita ed esperienze e credo che avere il coraggio di essere sempre cosa si è, sia l’unica cosa che conta.

Un giorno senza fantasmi, mostri e creepy cose per me? È un giorno sprecato, vuoto, insensato e triste come per chi ama il sole e il tepore e sta giorni e giorni immerso nel freddo e nella nebbia.

È tutto molto personale. Ma, fare ciò che si sa fare mi spiace non conosco altra verità, significa veramente conoscere sé stessi nel profondo.

Troppa gente giudica e a volte penso “ma tu che giudichi, sei sicuro di sapere chi sei veramente?”

Chiudo con queste immagini top, grazie Vittorio!!!! 🔝🔝🔝✔✔✔

Annunci

Miss Poperlaine è in viaggio verso la Tim Burton’s Productions.

 Questa cosa mi ha regalato momenti di grande allegria e momenti di grande malinconia.  Lasciare andare qualcosa di mio così lontano mi fa un certo effetto ma sono certa che chi la riceverà sarà lieto nell’osservare da vicino il mio impegno, e la mia capacità nell’aver applicato i consigli ricevuti.

Rispondo frequentemente a domande un po’ strane perché chi non sa tutti i particolari della vicenda non può immaginare come ci si senta a spedire un qualcosa ad un uomo di così grande importanza. 

Non è semplice raccontare, e ancor meno rispondere perché basta un albero spoglio con una sola pallina ed ecco che scattano immediate alcune riflessioni che mi aiutano a capire che sto andando verso la giusta direzione. 

Miss  Poperlaine avrà la sua storia auspico di riuscire a conquistare un pubblico anche Italiano che abbia voglia di vedere cosa c’è dietro un albero spoglio e una creatura non in vita ma molto più vitale di alcuni viventi lamentosi. Che sappia andare oltre ai banali fattori estetici ai quali siamo molto abituati e che sappia riconoscere l’arduo lavoro di progettazione e scultura e quant’altro perché non è cosa semplice come appare tenendo bene a mente che il mio lavoro non ha alcun supporto tecnologico e nessun aiuto esterno. E’ sempre tutto apparentemente molto semplice quando a farlo sono gli altri, spesso dico “mettici le mani e fallo tu” questo proprio per esortare le persone a tastare con mano cosa significa creare dei corpi, delle posizioni, delle espressioni che si armonizzino all’interno di un concept narrato.

Spero che il suo volo vada bene e che a riceverla ci sia un caldo abbraccio, questo è quanto più mi preoccupa in questo momento. Ci ho messo anima e corpo dunque spero proprio sia cosa gradita.

Timma oggi mi è cascato proprio a fagiolo devo dire…