Buon giovedì proseguimento :))

COSA NON E’ ??????????????????????????”

Annunci

“Tradizioni Natalizie”😊

E annessi…

Comprendo benissimo questo momento dell’anno, così come comprendo benissimo chi non vede l’ora di fare l’albero, decorare casa, e andare per negozi alla ricerca di qualche pensierino da donare con affetto. È un momento famigliare intimo che richiama, auspico, l’esigenza di stare insieme ai propri cari. È un po’ il senso che dó io a questa festa ma…

Io sono quella dei ma, non me ne si voglia, corrisponde anche a un momento in cui ce la metto sempre tutta per fare in modo che quei giorni mi funzionino anche nel cuore.

I miei Natali (magari un giorno ne racconto qualcuno… oh sono un po’ tristi ma anche belli, garantisco, hanno quel fascino del non so che…………………….) sono sempre stati la festa del non Natale perché a casa mia non c’è mai stato dunque, per fare in modo che un giorno anch’io potessi accettarne se non altro l’esistenza, ho inventato il mio Natale. Non è perfetto, non è… molto Natalizio ma è quello che sono riuscita a fare soprattutto per non magonare. Ecco è corretto, per non magonare o invidiare ingiustamente chi invece lo trascorreva da tradizione.

Non è bello essere soli durante le feste che poi chissà perché, se si è soli si è soli sempre solo che in quei giorni, non so perché le emozioni si amplificano. A me accadeva così, mi calava un vuoto nello stomaco indefinibile…… mentre i miei compagni di scuola raccontavano di tutto e di più, io non avevo mai niente da dire. E mentre a scuola appendevano le calze rosse di stoffa perché i prof ci mettevano delle caramelle l’ultimo giorno di scuola, io portavo una calza del Conte, nera filo di Scozia….. e ovviamente succedeva il solito patatrac perché pensavano fosse una mia presa per il culo e invece non lo era.

Ad ogni modo L’OTTIMA soluzione mi è arrivata quando ho pensato che ci fosse un Natale adatto a me che è il BRUTTO NATALE che non è affatto brutto, è soltanto il mio modo di approcciare a questa festa. Quindi a casa mia tutto è doppio, l’albero bello per figli e marito, e l’albero brutto per me, film Natalizi per loro e nonni, film dark Christmas per me, e così via…

Così tutti abbiamo il nostro Natale. Sanno che non ce la faccio diversamente ma così facendo, funzioniamo che è una meraviglia.

Sunshine Blogger Award 2018, nominata da Alessandria Today…che onore!!!

 

 

Onestamente non me lo aspettavo ma sono stata nominata da Alessandria Today al Sunshine Blogger Award. Un premio dato ai blogger dai blogger con i loro post che suscitano curiosità, interesse e positività. Accolgo dunque con piacere l’invito da parte loro, un blog importante di questa piattaforma che seguo sempre con molto interesse https://alessandriatoday.wordpress.com 

Le regole da seguire:

Ringraziare chi ti ha nominato mettendo il link del blog e l’immagine del Sunshine Blogger Award

Rispondere alle 11 domande che il blogger ti ha posto

Nominare altri 11 blog che vuoi che ricevano il premio e scrivere altre 11 domande

Informare i candidati sul contest con un commento su uno dei post nel loro blog

Elencare le regole e mostrare il logo del Sunshine Blogger Award nel tuo e/o sul tuo blog.

Queste sono le risposte alle domande a me rivolte:

Perché ho aperto un blog? Il motivo per il quale ho aperto un blog è semplicissimo, desideravo fare un’esperienza nuova aprendomi ad una forma di dialogo e confronto al quale non ero assolutamente abituata.

Fare vacanza in Italia o all’estero? Non amo in generale fare vacanza. Ho già viaggiato molto all’estero e se proprio devo riposare scelgo spesso luoghi molto isolati. Amo l’Italia ma non è il paese che porto nel cuore da sempre.

Potendo scegliere rifarei le stesse cose? Non sono dell’idea che la vita sia sempre il frutto di continue scelte personali, spesso accadono cose che ti portano a percorrere un certo tipo di “strade” dunque sì ripercorrerei tutto da capo perché ho sempre vissuto con lucidità ogni attimo, nonostante per me non sia stato molto semplice.

Quali sono i tre film che mi sono piaciuti di più? Guardo film prettamente in bianco e nero dunque film di vecchia data ma se proprio devo scegliere quelli che mi hanno formata dentro sono stati “Vincent” di Tim Burton per la straordinarietà dello slow motion che sostengo sia l’unico vero modo per rendere reale qualsiasi trama, “Don Camillo e Peppone” filmografia che mi ha insegnato ad amare la solitudine, e tutti nessuno escluso i film di Vincent Price perché sono cultrice dei film angosciosi e possibilmente terrificanti, cosa che molto si discosta dal banale concetto dell’odierno povero Horror. Adoro l’inquietudine dunque………

Perché stiamo distruggendo il pianeta? Semplice, non amiamo più “profondamente” la cultura in tutte le sue rispettose forme nascondendoci sotto il tappeto ammuffito della tecnologia che pare giustificare tutto e tutti. Una mente acculturata sa dove gettare la carta utilizzando gli appositi cestini, e sa anche distinguere risorse e sfruttamento. Per tal motivo non credo in alcuna forma odierna di politica che non fa altro che appoggiare l’IGNORANZA… L’ignoranza distrugge anche il nostro meraviglioso pianeta!

Il ricordo più importante della mia infanzia? La finestra del mio orfanotrofio dalla quale sognavo la “mia vita futura”. Disegno spesso finestre proprio per questo motivo grata di averne posseduta una che mi ha insegnato a sognare. Dai miei sogni è nata la mia realtà che amo molto!

Perché in Italia si legge sempre meno e cosa si può fare? Credo sia per via di una pigrizia che trasciniamo da tempo e per via di uno scarsissimo amore volto a sé stessi. Leggere è un NUTRIMENTO IMPORTANTISSIMO dunque credo che occorrerebbe invitare la gente a leggere utilizzando i più importanti mezzi di comunicazione. Troppe le pubblicità dedicate ai profumi e alle cretinate…. E aggiungo troppo compromesso il mondo dell’editoria, non aggiungo altro in merito.

Qual’è la canzone più importante della tua vita? E’ un’opera, Danse Macabre di Saint-Saens. C’è tutto, dal romanticismo alla malinconia, la cui storia è incredibilmente affascinante, i violini portano via! In media la ascolto due o tre volte al giorno. Se parlata invece Lullaby dei The Cure, intoccabili.

Il cinema racconta la vita o il contrario? Credo siano complementari. Io stessa prendo dal quotidiano o dal passato per creare i miei mondi i quali a loro volta raccontano cose nuove, dunque credo si alimentino reciprocamente. Il nuovo nasce sempre dal vecchio e il vecchio torna nuovo una volta prodotto.

Quanto tempo passo davanti alla tv? Pochissimo e giusto la sera un pochino se non lavoro alle  mie cose, per addormentarmi. Sono iperattiva dunque mi serve per riuscire a fermarmi. Non ho grande interesse per l’immondizia salvo i rari casi in cui adocchio un film di mio gradimento.

Il miglior ristorante della mia città? Detesto andare al ristorante, mi annoia da morire. Ce ne sono tanti che fanno un’ottima cucina piemontese ma non frequentandoli non saprei dire quale sia tra i migliori attualmente. Prediligo stare a casa mia con i miei amici. No, i ristoranti proprio proprio non fanno per me declino spesso gli inviti.

Ringrazio di cuore Alessandria Today per l’opportunità, mi è piaciuto molto. Grazie!!!!!!!!

Lascio aperto il Sunshine Blogger Award a chiunque volesse partecipare sostenendo le medesime domande che sono state rivolte a me.