Blog pornografici? (post per un pubblico adulto!)

Faccio una piccola premessa. Per anni ho avuto un’amica prostituta, anzi molto puttana. L’avevo conosciuta in un bar al seguito di un suo invito piuttosto diretto “ti bomberei” proposta alla quale risposi “Stai serena, siediti, vuoi un caffè?” Da quel giorno e per molto tempo presi ad ascoltare i suoi commenti, delle nottate trascorse a suon di “mi brucia la lingua, i preservativi mi infiammano il palato, guarda che morso sul culo che ho, quello stava fuori come un balcone, puzzo? non mi sono ancora lavata….” e così via… Questo a dire che non sono una bacchettona e che non ho alcun tipo di pregiudizio nei confronti di chi si vive la sua vita così nonostante mi dispiaccia sapere che molte donne soffrano ancora cose davvero brutali. Ma si sa questo mondo ammala i deboli…..

Nel caso del post in questione, sento di esprimere alcune considerazioni dopo aver appreso, e con non poca sorpresa, che il mio blog è spesso seguito da donne che utilizzano questa piattaforma gratuita per postare cose da loro definite “pornografiche”. Così, prima di giungere frettolosamente alle personali considerazioni in merito, ho dato uno sguardo con maggiore attenzione per capirne meglio i meccanismi. Cos’ho visto? Donne nude in posa, buttate su un letto, o sedute, gambe aperte, piegate a novanta gradi, tette appoggiate ovunque, facce coperte da mascherine carnevalesche, sole. Ho letto parole e commenti al seguito e a quel punto mi sono chiesta se cadere nel “selfismo” sia un modo per parlare di pornografia ed erotismo. Faccio un esempio: se al posto di fotografarsi nude piegate a novanta gradi si fossero fotografate al supermercato piegate a novanta gradi ma vestite? Si potrebbe intendere “posa erotica”????

Ed ecco che scatta in immediato il distinguo che a volte occorrerebbe fare. Auto erotismo, o erotismo qualsivoglia, sarebbero da intendersi tali qualora sia in corso l’atto sessuale dunque erotico, fotografato, filmato, nonché prodotto. Il termine pornografia indica trattazione o rappresentazione di atti sessuali espliciti ed osceni che nulla hanno a che vedere con dei selfie di pessima qualità che ritraggono soltanto corpi nudi. Dunque definire il proprio blog “pornografico” in taluni casi è del tutto errato. Ma procediamo… Mi sono poi chiesta perché utilizzare una piattaforma gratuita. Qui non si guadagna, e garantisco non si diventa famosi dunque ho pensato potesse essere una sottospecie di hobby che noi tutti mostriamo ai coinquilini wordpressiani. Dunque, e mi scuso ma ho idee piuttosto chiare a riguardo (non dimentichiamo i miei studi universitari dunque parlo con cognizione di causa), ho trovato il tutto scadente e molto triste. Pensare al popolo maschile “bavoso” che non fa che alimentare le insicurezze di donne tanto fragili mi urta nel profondo! “Cari uomini, fate gli uomini nelle sedi adatte, dietro uno schermo siete tutti leoni…….”

La necessità di postare il proprio corpo nudo non ha niente a che fare con la pornografia quanto invece un desiderio frustrante e demolente di attirare l’attenzione di un pubblico ridotto allo scarno, pensando così facendo di essere “all’altezza” del vertiginoso mondo dell’erotismo. Si faccia pornografia rispettando i propri ideali con coerenza . Non posso pensare che tette abbondanti e cadenti, culi bucherellati e abnormi, vagine aperte e collant bianchi e trasparenti che coprono piedi non curati siano un buon modo per creare blog pornografici. Ma smettiamola di ridurre le persone a credersi straordinarie quando in realtà l’unica amara verità sta nella loro più totale solitudine!!!!! La si smetta di credere che queste donne siano “incanto” perché dietro le loro vagine spalancate ci sono urla di solitudine che nemmeno potete immaginare.

Cari uomini siate d’aiuto, invitatele a vestirsi, fatele sentire belle oltre gli abiti. Siate uomini veri e non scimpanzé impazziti per un paio di tette buttate in una piattaforma che non genera importanza. Siate uomini come io sono donna ogni qualvolta mi tocca dire “grazie per il follow ma ti seguirò quando mi farai vedere quanto sei bella dentro!” Siate la forza che a volte le donne non hanno, motivo per il quale cedono a quel poco che gli è rimasto. Sappiate che dietro le loro foto ci sono storie che tutto meritano tranne che i vostri commenti pietosi. Sappiate anche che chi fa pornografia fa pornografia, non utilizza blog o siti di bassa caratura, non urla la sua solitudine in un blog non pubblicizzato, non sponsorizzato, non a pagamento e non remunerato!!!!!! Perché lo dico??? Perché ci lavoro da anni e ne so sicuramente più di voi. Siate uomini che possiedono una sola faccia almeno quello…. Si rispetti la pornografia che spesso è molto terapeutica perché è pieno di gente che non raggiunge l’orgasmo e sapete perché? Per colpa di chi fa credere loro che il sesso sia una cosa talmente sovrastrutturata che non si sentono all’altezza…

Questo è un argomento a me caro e per quanto a volte “io sembri” una mente occlusa sappiate che ho una mentalità talmente aperta che so distinguere la qualità dallo strazio.

Paola.

Annunci